I viaggiatori stranieri in Cina potranno utilizzare lo yuan digitale, sviluppato dal governo, senza un conto bancario locale, ha affermato la banca centrale del paese in un documento pubblicato venerdì. Come sappiamo, mentre in Italia si cerca di educare la popolazione all’utilizzo delle carte di credito, in Cina il pagamento avviene quasi sempre esclusivamente attraverso lo smartphone grazie all’enorme successo delle applicazioni WeChat e AliPay. Di fatto i commercianti spesso preferiscono non prendere contanti, mentre le carte di credito non sono mai decollate.

“Gli stranieri che viaggiano temporaneamente in Cina possono aprire un wallet e-CNY per soddisfare le esigenze di pagamento quotidiane senza aprire un conto bancario nazionale”, afferma il documento pubblicato dalla CNBC. Tuttavia non è  chiaro quando sarà disponibile ai non residenti.

La banca centrale ha affermato che il sistema e-CNY “raccoglie meno informazioni sulle transazioni rispetto ai tradizionali pagamenti elettronici” e che internamente la PBoC mantiene le informazioni relative allo yuan digitale separate dagli altri dipartimenti. Alla fine di giugno, dopo circa un anno di test in tutto il paese, sono stati aperti più di 20 milioni di wallet personali e più di 3,51 milioni di portafogli aziendali, con un valore di transazione di circa 34,5 miliardi di yuan (5,39 miliardi di dollari).

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui