Shiba Inu (SHIB), autodefinitosi la “Dogecoin Killer,” è una criptovaluta nata, molto probabilmente per scherzo, con lo scopo di sostituire (uccidere) l’attuale rivale Dogecoin. Dopo essere stata aggiunta su tre diversi exchange ha iniziato un rally esplosivo del 1800% in soli sette giorni che ha spinto il token al 17° posto nella classifica del market cap.

Va aggiunto che il 50% di tutte le proprietà di SHIB sia nelle mani del co-creatore di Ethereum, Vitalik Buterin, per rimuovere i token dalla circolazione e lasciare solo un 50% per fornire liquidità. Così facendo, i creatori sostengono di aver lanciato un token decentralizzato, il cui destino sarà deciso esclusivamente dal mercato.

Ma perchè qualcuno dovrebbe scegliere Shiba Inu? È un altro progetto in stile Dogecoin? in realtà no. Il “woofpaper” del progetto allude alla creazione di ShibaSwap, un exchange decentralizzato in cui i possessori di SHIB potranno scambiare token e partecipare allo yield farming*. Secondo il sito web del progetto, la piattaforma sta attualmente affrontando “test di sicurezza, audit e aggiornamenti finali.”Oltre a SHIB, il progetto comprende un sistema multi-token composto da BONE e LEASH. I tre token verranno usati nella funzione di yield farming di Shiba Inu, ma non è ancora chiaro come.

Nel frattempo Elon Musk ha annunciato ufficialmente Dogecoin tra le monete accettate per mandare il satellite DOGE-1 sulla luna. Che la sfida abbia inizio.

*Yeld farming: noto anche come liquidity mining, è un modo per generare ricompense con le partecipazioni in criptovaluta. In altre parole, come detto, significa bloccare criptovalute e ottenere un reward.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui